Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

 

TortaGianduiotto

Conoscere nuove persone è sempre stimolante, per scambiare qualche parola e poi magari confrontarsi ed approfondire uno specifico argomento. Una delle cose che più mi piace è cercare di capire i vari gusti, culinari in generale e dolciari in particolare, di coloro che mi chiedono di preparare un determinato piatto o dolce. Le richieste sono varie e diverse, che raccontano un po’ del carattere e delle passioni del “destinatario”; spesso si tratta di sfumature, ma da una sfumatura – si sa – può dipendere l’intera armonia di suoni o sapori. Bisogna però ammettere che una cosa mette tutti d’accordo. Di cosa si tratta? Del cioccolato naturalmente! Il tipo di cioccolato dipende dai gusti e dall’uso: fondente, bianco o alla nocciola, l’importante è che sia previsto nella ricetta. Uno degli abbinamenti più riusciti in assoluto è proprio quello con la nocciola, connubio irresistibile targato “Made in Italy”, o meglio “Made in Turin”. Il gianduiotto è un cioccolatino, dal sapore particolarmente bilanciato e gustoso, fatto di cacao e zucchero mescolati in proporzioni variabili con la celeberrima Nocciola Tonda delle Langhe. Questo cioccolatino – dalla tipica forma a spicchio – deve il suo nome a Gianduja, folcloristica maschera carnevalesca del piemontese e simbolo della lotta per l’indipendenza che qui si combatté nel 1799. La nascita del gianduiotto si deve alla casualità o – più specificatamente -alla necessità di integrare le scarse quantità di cacao con un nuovo e più reperibile ingrediente. Questa difficoltosa situazione fu causata dal blocco navale voluto da Napoleone nel 1806. I prodotti coloniali affluivano verso l’Europa in quantità ridotte e, mentre le scorte di cacao si riducevano vertiginosamente, la richiesta di cioccolato aumentava di egual misura. Il gianduiotto fu prodotto per la prima volta nel 1865 dalla nota azienda dolciaria torinese Caffarel, che prima di tutti ebbe l’idea di integrare il cacao con la Nocciola Tonda delle Langhe. Il cioccolatino fu lanciato in occasione del carnevale di quell’anno e presentato proprio dalla nota maschera da cui prende il nome. Il gianduiotto fu un successo e rappresentò una rivoluzione nel mondo del cioccolato: era infatti nato il primo cioccolatino incartato. Il resto – come si dice – è storia. Passiamo ora alla ricetta della Torta Gianduiotto di Guido Castagna.

Ingredienti (per uno stampo di 20-22 cm di diametro):

Per il biscotto al cacao:
60 gr di farina di mandorle
10 gr di cacao in polvere
75 gr di zucchero
75 gr di farina
60 gr di burro

Per la creme brulée:
50 gr di tuorli (circa 3 tuorli)
45 gr di zucchero
250 gr di panna

Per la crema al gianduiotto:
250 gr di crema pasticcera
250 gr di gianduiotti
350 gr di panna
10 gr di gelatina

PROCEDIMENTO

Per il biscotto al cacao:
Unire in una ciotola tutti gli ingredienti secchi (farina di mandorle, cacao, farina e zucchero), aggiungere il burro e lavorare brevemente fino ad ottenere un impasto piuttosto “sbricioloso”. Rivestire uno stampo a cerniera con carta da forno, versare l’impasto e cuocere a 170° per circa 15 minuti.

Per la creme brulée:
Montare i tuorli con lo zucchero finché il composto si presenta chiaro e spumoso. Aggiungere la panna appena scaldata (non deve bollire). Versare negli stampi e cuocere a 160° per 30 minuti circa. Tenere in freezer qualche ora prima di comporre il dolce.

Per la crema al gianduiotto:
Preparare la crema pasticcera e, una volta intiepidita, aggiungere la gelatina strizzata e precedentemente rinvenuta in acqua fredda. Sciogliere i gianduiotti a bagnomaria ed unirli alla crema pasticcera. Amalgamare accuratamente gli ingredienti ed infine versare la panna semimontata, mescolando dal basso verso l’alto per non smontarla.

Assemblaggio della torta:
Riprendere la base ormai fredda, sformare la creme brulée (fredda) e posizionarla al centro della base, in modo che una volta ricoperta sia completamente invisibile. Farcire la torta con la crema al gianduiotto con l’aiuto di un sac à poche e conservare in frigo per almeno due ore prima di consumare. Decorare a piacimento e…Buona Torta Gianduiotto a tutti!

TortaGianduiottoMix

Annunci